In caso di SI/NO o se Rousseau fa palo. Articolo ecosostenibile.

Troppi articoli finiranno nella spazzatura dopo l’esito del voto su Rousseau.

In caso di vittoria del Si o del NO, i giornalisti saranno costretti a mandare al macero quello con la previsione sbagliata.

Noi siamo rivoluzionari ed ecostenibili, quindi presentiamo in un solo pezzo tutti i possibili, futuri scenari. Abbiamo contemplato che il caso di palo, o pareggio, del quale nessuno parla, forse per scaramanzia.

 


La piattaforma Rousseau ha fatto palo.

 

Inspiegabilmente il numero di voti sulla piattaforma Rousseau fra Si e No, coincide.

Il Paese è nel caos, bloccato da un voto sul web.

 

In questo momento, i tecnici stanno rivedendo al Var un click arrivato sul filo di lana, per decidere se convalidare o meno il voto. La manina gelida che deciderà le sorti del Paese è del Sign. Gino Imbuti, agricoltore molisano da sempre vicino al Movimento 5 Stelle.

 

Intercettato dai giornalisti, l’Imbuti non ha voluto dichiarare il suo voto, ma quanto detto alla stampa non sembra lasciare scampo ai tifosi del SI:

“…Parlano sempre di green:  vogliono tornare alla terra, baciano i fiori, riprendiamoci la natura dicono… Io la tengo la terra! E chi me lo dice a me che non me la espropriano per farci all’amore? Io mica so scemo, io!”

Parole forti, di un uomo duro.

“E il nuovo umanesimo?” chiede un giornalista locale; “Vedi di andartene a fanculo tu vai! Che quello qui lì, l’umanesimo non gresce, la terra è troppo dura. ‘Gnorante!”.

Una democrazia appesa alle mani callose di un italiano vero.

 


 

La piattaforma Rousseau ha detto NO. 

Giungono voci di un Mattarella infuriato, fermato da quattro corazzieri armati mentre tira ninnoli ottocenteschi dalle finestre del Quirinale, inveendo contro i rappresentanti delle classe politica. Prenotato un volo per la Sardegna, il Presidente ha deciso che non vuole più saperne. Presto arriveranno le sue dimissioni.

 

La piattaforma Rousseau ha detto SI.

L’acquisto di un call center in Bangladesh da parte del Quirinale, è servito a favorire il SI, con una vittoria celebrata da Mattarella in stile Pertini al Bernabeu.

 

 


 

La Piattaforma Rousseau dice NO al Governo giallorosso, aprendo una voragine nella formazione di un’alleanza che nè viene inghiottita con tutti i buoni propositi espressi in questi giorni.

La Piattaforma Rousseau dice SI al Governo Giallorosso, aprendo la strada alla formazione del nuovo Governo che si tuffa in una nuova avventura piena di buoni propositi.

 

Segui su twitter @ifatticapitali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *