PD : autodistruzione attivata.

Nel Partito Democratico, orfano di Renzi e Calenda, si sta verificando ciò che in molti temevano: un processo di grillinizzazione ed un pericoloso drenaggio di personalità politiche – e conseguenti voti – verso Italia Viva, di Matteo Renzi e Siamo Europei (in attesa del nuovo nome) di Carlo Calenda.

 




Zingaretti sembra in balia di tutti: da una parte Di Maio  gli impone la conferma di Reddito di Cittadinanza, Quota 100 e decreti sicurezza, rivendicando, al contempo, il taglio delle poltrone ed annunciando il suo niet sullo Ius Culturae; dall’altra parte, la battaglia con Renzi diventa sanguinosa, con un importante deflusso di dirigenza e l’estrema arma di difesa di una multa, in Umbria, a difesa del vincolo di mandato.

 

Su i famosi 30 mila euro di multa per chi non rispetti il vincolo, il Messaggero ha anticipato qualcosa di verosimile, essendo  pericolo reale per, il PD, quello di vedere i suoi eletti passare ad altre forze politiche, dopo il voto.

 

Nel frattempo, gli ex fedelissimi renziani rimasti con Zingaretti,  Lotti su tutti, diventano personaggi sempre più scomodi da gestire: la vicenda CSM parla da sola.

 




 

L’Umbria sarà un banco di prova importantissimo per il PD: al momento, alcuni sondaggi danno in vantaggio la Lega di circa 5 punti.

 

Da parte nostra, per penna di un umbro, abbiamo già spiegato (al link che segue) le motivazioni per le quali sarà impossibile per il PD non perdere l’ex feudo rosso http://www.ifatticapitali.it/?p=2269 .

In tutta questa baraonda, Renzi in Umbria non candiderà nessuno: mentre continua ad essere ufficialmente conciliante con il Governo, con la  comunicazione social si smarca, si dimostra contrariato per il DEF, promette di avere soluzioni magiche che, però, esporrà solo alla Leopolda, a cose fatte.

 

Il tempo galantuomo continua ad essere alleato del Senatore toscano: il PD si sta autodistruggendo in una esperienza di Governo che in molti sconsigliavano a Zingaretti. D’altronde lo stesso Segretario la sconsigliava a se stesso, appena poche settimane fa….

 

Seguici su twitter @ifatticapitali

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *