Curdi abbandonati: Trump e la Nato danno il via libera all’invasione turca della Siria.

Vietnam, Afghanistan, adesso la Siria con i curdi: la storia si ripete.  La lista degli ex alleati abbandonati per meri interessi politici dagli Stati Uniti, continua ad allungarsi.

 

Un vizio che rischia di far perdere alla bandiera a stelle e strisce quell’aura da “super eroi” inseguita a partire dalla vittoria dei nazional socialismi in Europa.

Stando a quanto riportato dalla Casa Bianca, la Turchia si appresta ad invadere la zona Nord della Siria, occupata dai curdi delle “Forze Democratiche della Siria”, fondamentali nella guerra contro l’Isis ma, nonostante questo, ormai prossimi ad essere abbandonati al loro destino per cause di forza (politica) maggiore.

 


Se nei curdi siriani il premier turco Erdogan trova dei pericolosi terroristi al confine, Trump, con la solita miopia che lo contraddistingue in politica estera, vede un’occasione per liberare risorse e, possibilmente, far tornare soldati a casa, dentro una mossa dal sapore propagandistico, con chiara vista sulle elezioni.

Gli Stati Uniti, ad oggi, prima di “scansarsi” come annunciato, contano circa 1.000 unità nella Siria Settentrionale. Il loro rimpatrio segnerebbe la fine delle forze democratiche curde, che sarebbero in totale balia di un esercito preparato come quello turco.

 

In  tutto questo, però,  non è solo l’America di Trump a trovarsi in una posizione poco onorevole, quanto pericolosa, poiché tale scelta coinvolge l’intero sistema della Nato.

 


 

Piegarsi alle volontà di un leader turco che, appena pochi anni fa, vagava per i cieli d’Europa cercando asilo (e non trovando sponde) , è una mossa rischiosa, capace di portare la Siria in uno stato di guerra permanente.

La necessità di trovare soluzioni politiche condivise, verso le quali, le morti giornaliere urlano a gran voce con voci ed immagini strazianti, trovano nelle orecchie dei leader mondiali, una sordità umanitaria costante e scandalosa.

 

Segui su twitter @ifatticapitali

 


 

foto https://pixabay.com/it/photos/pt-91-2508154/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *