Basta essere teneri con questo Governo.



Si, ok, il terribile Salvini è stato estromesso dal potere. Oggi vaga fra sagre, macellerie e pizzerie, sfornando video imbarazzanti non solo per lui, ma per l’immagine dell’Italia.

In Emilia Romagna, anche a causa di una candidata debole come la Bergonzoni, perderà le elezioni. Ciò nonostante, il leghismo, inteso come prosopopea dell’impreparazione, rimane affascinante per la maggior parte degli elettori italiani.

E però, dopo cinque mesi è l’ora di dirlo, ciò che gli si contrappone, questo strampalato Governo PD- M5S – Italia Viva – LEU è fin troppo protetto dalla stampa nella sua ingloriosa, subalterna azione politica, economica e sociale, portata avanti da settembre con strappi e cuciture che rendono immobile tanto il lavoro del Parlamento, quanto la crescita del Paese.

I numeri sono li a dimostrare l’inefficacia del Governo giallorosso: per un PIL che nel 2020 è previsto sostanzialmente fermo fra il + 0.4 e il più ottimistico +0.6%, c’è una disoccupazione inchiodata, decreti sicurezza ancora da abrogare, il mondo della giustizia rivoluzionato – in peggio – da Bonafede (con l’appoggio del PD), e la mancia come tratto distintivo, dall’oneroso taglio del cuneo -per un vantaggio di una ventina di euro a lavoratore- alla difesa del contestato reddito di cittadinanza.




Le premesse ci sono tutte: anche il 2020 non sarà un anno bellissimo. Senza Salvini chi sarà il colpevole sul quale scaricare tutti i fallimenti?

Il movimento delle sardine viene celebrato dai media e dal centro sinistra, mentre manifesta, inascoltato, dagli stessi vertici di un Governo che lo applaude più per timore che non per reale interesse: prima o poi, anche la folla di Bologna sarà costretta ad ammettere di essere senza rappresentanza o sponde politiche.

La stagnazione è confermata, l’industria frena, l’export cala, la tanto sbandierata umanità verso i migranti è ancora affossata dai decreti sicurezza: si può dire che il Governo giallorosso stia fallendo, oppure vogliamo morire di “meno peggio, tanto meglio?”

 

Segui su twitter e facebook @ifatticapitali




Foto https://pixabay.com/it/photos/grafico-parti-dax-indice-dow-jones-594212/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *