#Facciamorete?

Ci sono idee che nascono dal basso, reazioni che si coalizzano, movimenti che prendono forma dalla brillante idea di pochi, per essere abbracciate da una moltitudine sempre più grande.

Questo è il caso di #Facciamorete, nuova realtà di aggregazione del web, in particolare su twitter, capace di unire migliaia di utenti stanchi dell’egemonia portata sui social dall’attivismo dell’elettorato vicino ai 5Stelle, e con la chiara volontà di contrastare la disinformazione montante, data dalle fakenews.

Come tutti i fenomeni che aumentano la propria popolarità in modo esplosivo, non sono tardate ad arrivare le attenzioni da parte di politici e personaggi illustri, in quella che vuole comunque rimanere una sorta di associazione implicitamente aggregata dal valoredel bene comune, senza cappelli politici di riferimento.

Quale sia il futuro di questo hashtag non è dato saperlo, anche se, all’interno delle interazioni, si notano sempre più spesso contrasti dovuti alle idee alternative a questo attuale esecutivo. D’altronde, un utente può sempre essere un voto e, se per #facciamorete il nemico n.1 sembra quello del Governo gialloverde, l’alternativa comune è ancora lungi dall’essere concordata (se mai sarà possibile, e se mai gli utenti sentiranno la necessità di averne una).




Se un alieno – ma anche qualcuno poco avvezzo alle cose di internet – chiedesse chi sia l’utente medio di  “#facciamorete”, potremmo azzardare alcune caratteristiche principali:

  • un’età solitamente compresa fra i 30 e i 60 anni
  • una forte spinta europeista;
  • vicinanza alla battaglia per la parità dei diritti di genere;
  • la preoccupazione per le fakenews;
  • una intensa passione per qualcosa che sembra essere ormai perduto in Italia:  sana moderazione e lungimiranza, due elementi necessari per costruire un futuro migliore.

#Facciamorete ?



 

foto: http://www.meteoweb.eu/2019/01/una-folla-di-persone-si-muove-come-un-fluido-per-evitare-rischi-in-caso-di-panico-basta-ricorrere-alla-matematica/1201021/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *