Nicola Zingaretti: la mantide religiosa dei 5 Stelle.

 


Mossa incomprensibile. Suicidio politico. Follia.

L’intenzione di allearsi con i 5 Stelle in vista delle prossime regionali, espressa dal Segretario PD  dopo il voto in Emilia Romagna, ha lasciato di stucco la maggior parte degli analisti politici.

D’altronde, il M5S è morto. Le elezioni in Umbria sono state un segnale, la debaclé in Emilia Romagna e Calabria la conferma dello smottamento.

La situazione interna al Movimento – dopo le dimissioni di Luigi Di Maio e la fuga di numerosi parlamentari – ricorda il famoso appello al “si salvi chi può”, mentre i sondaggi nazionali, seppur non prevedano ancora la scomparsa del grillismo, annunciano un forte ridimensionamento, preludio della fine.

 

Ciò nonostante, Zingaretti rimarca l’importanza di allearsi nelle elezioni regionali con il Movimento: perché?
“Perché se del maiale non si butta niente”, in politica la stessa regola vale per gli elettorati dei partiti moribondi.

 

Il M5S sta per lasciare milioni di voti in mano a chi saprà prenderli. Zingaretti vuole essere il primo a pescare grazie alla forza della prossimità, con l’agevolezza del retino e una calma serafica che ha fin quì impedito al grillismo di esplodere verso l’alleato –  così come successo con Salvini –  costringendosi ad una inevitabile implosione.




Il logoramento del PD,  annunciato da molti dopo la formazione del Governo giallorosso di settembre, tutto sommato non c’è stato e, semmai, sono i vari Calenda e Renzi a soffrire il pericolo di un limbo inaspettato.

Zingaretti assomiglia al Sylvester Stallone di Rocky 3: certo della sua capacità di incassare colpi da ogni parte, è pronto a sferrarne uno vincente. Siamo solo al terzo round, ma c’è chi lo dava al tappeto un secondo dopo il suono della campana.

 

La mantide religiosa mangia il suo amante dopo la fine dell’atto sessuale, talvolta anche durante lo stesso: che il fratello di Montalbano sia più del piccione viaggiatore descritto dai mass media, inizia ad essere un presentimento che preoccupa quanti lo davano per morto insieme a tutto il PD.

 

Seguici su facebook e twitter: @ifatticapitali




 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *