“Non è mai troppo tardi”. Dizionario per i social emarginati.




Inauguriamo oggi una rubrica il cui nome “ricopia paro paro” (come se dice a Roma) il titolo di un fortunato programma televisivo degli anni 50′, con cui si è cercato di alfabetizzare, attraverso la televisione, il popolo italiano del dopo guerra.

Se i risultati di questo tentativo pubblico sono sotto gli occhi di tutti, speriamo con più fortuna di portare il avanti il nostro progetto, grazie al responso favorevole del sempre caloroso pubblico de “I Fatti Capitali”.

Fate leggere questo articolo a tutti quei parenti poco avvezzi ai social, è importante: cominciamo.

 

Buongiornissimo Kaffè! : esclamazione di sberleffo ormai nota nel linguaggio comune, nata dalla diffusione delle gif (trash) raffiguranti caffè e orsacchiotti glitch, postati di prima mattina da utenti sopra i 50 – 60 anni.

 

Bot: profili/account governati da una A.I. ossia artificial intelligence, ovvero intelligenza artificiale. N’somma è inutile che vi accaniate con “Rigolettoduro58” perché dietro a quel nome non c’è nessuno. Solitamente hanno 4 followers, più o meno come noi.

 

Connessione: Per spiegare alla nonna la differenza fra connessione mobile e connessione wi-fi, agite in questo modo: la prima è quella che

“sta per aria e che il cellulare prende pure fuori casa”; la seconda è “quando c’è un modem tipo quello a casa mia”.

 




 

Correzionisti: snobisti della prima ora, intervengono commentando errori grammaticali altrui, spesso dettati dalla velocità di scrittura. Non

a nulla a che vedere con questo articolo.

 

Deficienti: termine che definisce la popolazione del web in modo piuttosto preciso. Dal latino “deficere”, ossia mancare dì.

 

DM : Ossia “direct message”, tradotto “messaggio diretto” che un singolo utente può scambiare, privatamente con un altro.

Prima di aprire un “DM”, controllare il profilo di provenienza; in caso di nomi quali “Perverso87”, “Amoledonne63” “Durone71” o similari, si

suggerisce di cancellare preventivamente il messaggio.

 




 

E come “eh che cazzo”: Ma è’ possibile non ci sia un termine interessante con la E?

 

Facciamorete: E’ troppo lungo da spiegare. Movimento nato su twitter, nel segno dei valori antifascisti. Per saperne di più leggete la nostra intervista capitale al suo fondatore – quella si che è roba seria -, che trovate al link di seguito (poi vi spieghiamo cosa sia un link) https://www.ifatticapitali.it/mpskino-ideatore-di-facciamorete-fra-passato-presente-e-futuro/

 

 

Per oggi è tutto. Questo voleva essere solo un assaggio della nostra rubrica “Non è mai troppo tardi: impariamo il linguaggio su i social”, che speriamo possa continuare in base al gradimento del pubblico.

 

Seguiteci su twitter e facebook –> @ifatticapitali

 

 

Foto Pubblico dominio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=4874041

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *