Quante persone sono morte a causa del vaccino anti-Covid19?

 

Articolo di Aureliano Stingi

Ormai un’invasione: ogni giorno sul web vengono rilanciati articoli nei quali presunti effetti collaterali, reazioni avverse e casi di morte sarebbero riconducibili alla vaccinazione per la Covid19.

Sembra essere  in atto una vera e propria strage tra i vaccinati.

Ma è vero che il vaccino ci sta uccidendo tutti?

NO! E allora facciamo chiarezza.

 

Non penso sia il caso di ricordare quanto i vaccini contro la covid19 stiano cambiando l’andamento della pandemia: migliaia di vite sono state già salvate e migliaia di altre lo saranno, pur senza trovare spazio fra statistiche e media.

 

Ok i vaccini sono utilissimi ma sono sicuri?
Risposta breve: si!

 

Dopo l’immissione sul mercato, i vari enti regolatori stanno seguendo da vicino l’impatto dei vaccini sulla popolazione, attraverso un meccanismo chiamato farmacovigilanza.

 

La farmacovigilanza (fase IV) avviene dopo aver stabilito che un farmaco è sicuro ed efficace.

 

Questa fase serve a vedere l’effetto del farmaco su una popolazione molto più numerosa rispetto a quella dei test già effettuati ed è utile per aggiornare il famoso foglietto illustrativo che in molti in Italia chiamano “bugiardino” (ogni farmaco ce l’ha e vi invito a controllarlo).

 

Come funziona? Il farmaco/vaccino viene somministrato e in caso di eventi avversi o effetti indesiderati scatta una segnalazione all’AIFA che provvederà ad indagare e a stabilire un nesso causale.

 

Perche è fondamentale che AIFA indaghi il nesso causale? Rispondo con un grafico.

Nel grafico potete apprezzare la fortissima correlazione tra divorzi registrati nel Maine (US) e consumo pro capita di margarina (!!!)

 

divorzi e margarina

 

Come è facile intuire, la correlazione non implica causa.

 

Esiste un algoritmo elaborato da centinaia di scienziati del WHO, che stabilisce la correlazione tra un evento ed il vaccino.

Un processo non casuale, bensì un meccanismo complesso e molto rigoroso, proprio per evitare correlazioni spurie (v.divorzi e margarina).

 

Veniamo ai numeri Italiani che ho riportato in questo schema.

Ogni numero che vedete è preso dal rapporto AIFA (se non vi fidate fate pure i vostri calcoli e controllate).

 

aifa numeri covid vaccino morte

 

Dal rapporto AIFA, a seguito di circa 65milioni di somministrazioni da dicembre 2020 a fine luglio 2021, sono morte causa di un qualsiasi vaccino anti-covid19, 7 persone.

 

Fermo restando che stiamo parlando di sette tragedie e NESSUNO dovrebbe morire per un vaccino, parliamo dello 0,000010%.

Adesso controllate i dati relativi ad altri farmaci.

 

TAKE HOME MESSAGE:
1) I vaccini stanno riducendo i morti covid in maniera impressionante.
2) I vaccini approvati sono SICURI e continuamente monitorati dalla farmacovigilanza.
3) Quando leggete di reazioni avverse/morti ricordatevi che deve essere stabilito un nesso causale.

GET a VACCINE.

 

….E informatevi bene ndr

 

2 pensieri riguardo “Quante persone sono morte a causa del vaccino anti-Covid19?

  • Agosto 22, 2021 in 10:55 am
    Permalink

    un argomento spesso usato dai no-vax e’ quello della differenza tra farmacovigilanza passiva e attiva. Sostengono che i numeri della FV passiva vanno moltiplicati per 100 basandosi su un articolo in cui si afferma che per i normali vaccini obbligatori esiste questo fattore tra gli eventi avversi segnalati dal paziente e quelli (100x) che si vedrebbero se il medico indagasse con il paziente attivamente. A me sembra possibile che le reazioni lievi non vengano denunciate ma impossibile che reazioni grave da richiedere ricovero o addirittura terapie intensive non vengano segnalate.

    Rispondi
  • Dicembre 29, 2021 in 2:39 pm
    Permalink

    non c’è solo chi muore: ci sono anche coloro che pur non essendo morti, hanno avuto gravi ripercussioni di salute, con tanto di lunghi ricoveri, e/o danni permanenti. E poi, come funziona quest’algoritmo? Presto detto: se il presunto evento avverso si verifica poche ore/giorni dopo la somministrazione non può essere stato il vaccino perché non ha avuto il tempo di produrre i suoi effetti; se si verifica a distanza di settimane/mesi ugualmente non può essere stato perché chi non ha avuto un infarti trombosi, emorragie dai 40 anni in su? Altrimenti si va a caccia di disfunzioni (es. vascolari e/o cardiocircolatorie o tipo il diabete) o infermità pregresse che, guarda caso che coincidenza, dopo essere rimaste silenti per anni ed anni fino alla vaccinazione, si sono manifestati dopo di essa. Che scalogna!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *