Se Feltri vi fa abboccare tutti al suo amo.

“Tutta l’arte non ha bandiere e quella di Camilleri va riconosciuta per quello che è: mirabile. Non tutta, ma quasi. Oggi, di fronte alla probabilmente prossima fine, riconosciamo allo scrittore ogni merito tecnico e a lui ci inchiniamo.

L’unica consolazione è che finalmente non vedremo più in televisione Montalbano, un terrone che ci ha rotto i coglioni, almeno quanto suo fratello Zingaretti, segretario Pd, il peggiore del mondo.”

Questa nota, apparsa su Libero, ha avuto un solo risultato, quello sperato da Feltri: una polemica enorme (dalla quale si tira fuori grazie alla premessa) un caos enorme intorno alla sua figura, attenzione del pubblico, click, danè.




Se è vero che “De mortuis nihil nisi bonum”, la considerazione che il giornalista Feltri scrive su Montalbano, solo dopo aver celebrato la tecnica di un maestro (e poco elegantemente, annunciato la sua “prossima fine”), è una opinione personale, su un personaggio di fantasia. Tutto il resto è buongusto che manca ed una serie di pesciolini che abboccano all’amo, facendo pubblicità alla pena più graffiante e criticata d’Italia.

Sia chiaro: questo sistema di fare giornalismo, a nostro modo di vedere, è grottesco e controproducente per (quasi) tutti, però “fa notizia”.



Questo è; il resto sono chiacchiere ed insulti che Feltri nemmeno leggerà, in quanto (sembra) poco avvezzo alle tecnologie.

 

foto: https://pixabay.com/it/photos/mare-ocean-acqua-natura-barca-2565573/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *